fbpx
fotovoltaico per agricoltura

Mettere i peperoncini sui pannelli solari ne aumenta le prestazioni

Contenuti dell'articolo

Chi possiede un impianto fotovoltaico dovrebbe sapere che, per incrementare le prestazioni di questo sistema, si possono mettere i peperoncini sui pannelli solari. La scoperta arriva direttamente dall’Università di Liverpool e, più precisamente, dal ricercatore Jon Mayor dello Stephenson Institute for Renewable. La sua ricerca dettagliata afferma che esiste una sostanza, contenuta all’interno dei peperoncini, che può fare una positiva differenza per il funzionamento dei sistemi fotovoltaici.

I peperoncini e i pannelli solari

Nel corso degli ultimi anni, il ricercatore Jon Mayor si è focalizzato sullo studio dei vari impianti fotovoltaici. Vivendo in un periodo dove il concetto di risparmio energetico e corrente elettrica green è sempre più presente, è arrivato ad una conclusione molto interessante. Questa consiste nel porre i peperoncini sui pannelli solari. Grazie ad una sostanza contenuta nell’alimento è possibile riuscire a incrementare la resa energetica dell’impianto. 

Sembra incredibile, ma è tutto vero: i peperoncini possono ottimizzare le prestazioni di un sistema fotovoltaico. Il ricercatore ha confermato che – almeno per adesso e in base alle numerose prove – solo i peperoncini hanno questo effetto sulle celle fotovoltaiche. Grazie alle costanti ricerche svolte da Mayor, in futuro potrebbero essere identificati come elementi in grado di migliorare la qualità e la resa di tale strumento.

Come fanno i peperoncini a migliorare la resa dell’impianto?

Sono stati in tanti a chiedersi perché i peperoncini sui pannelli solari hanno questo effetto e, sinceramente, ce lo chiedevamo anche noi. Andando ad analizzare la ricerca ci siamo convinti che si tratta proprio di una grande scoperta. La sostanza che permette di migliorare la resa energetica del pannello solare è la capsaicina. Quest’ultima, secondo le ricerche di Mayor, cambia in modo notevole la densità degli elettroni.

Per intendersi, partiamo dal fatto che un pannello fotovoltaico funziona in modo piuttosto semplice: sfrutta i fotoni presenti nei raggi solari. Questi ultimi, una volta a contatto con il pannello, liberano gli elettroni. L’energia elettrica si sviluppa con lo spostamento degli elettroni nelle diverse zone dove la densità degli stessi è differente: maggiore è questo dato, superiore è l’energia elettrica che si sviluppa.

I peperoncini, possedendo la capsaicina, permettono di creare delle zone dove la densità di elettroni viene incrementata. Di conseguenza, ponendoli in determinate celle, si incrementa notevolmente lo spostamento degli elettroni e si ha quindi una maggiore produzione di energia elettrica.

Il fenomeno dei peperoncini sui pannelli solari

Questo fenomeno è stato studiato in maniera accurata da Jon Mayor. Il ricercatore ha notato come la differenza tra le varie celle – a contatto con i peperoncini e non – permetta la produzione di una quantità di energia elettrica superiore rispetto a quella standard. Mayor ha documentato nel dettaglio la sua ricerca, confermando che i peperoncini sui pannelli solari possono effettivamente migliorare l’efficienza dei sistemi fotovoltaici sotto questo punto di vista. 

Naturalmente, le sue scoperte sono state valutate da altri ricercatori, che hanno comprovato i risultati dello studio di Mayor. Pertanto, possiamo dire con certezza che questo semplice ortaggio, oltre a stimolare il nostro metabolismo, può stimolare anche la resa dei pannelli. È davvero in grado di migliorare uno degli strumenti più utili che al momento abbiamo a disposizione.

Vuoi usare anche tu i peperoncini sui pannelli solari?

Prima di mettersi a fare prove, è opportuno considerare che ogni cella è composta da diversi strati e che l’effetto che si può ottenere potrebbe non essere subito quello sperato. Infatti, occorre svolgere diversi test prima di trovare la giusta combinazione. Si dovrà quindi comprendere qual è la giusta quantità di peperoncini da usare, nonché capire esattamente dove porli.

Quella dei peperoncini sui pannelli solari si rivela dunque una scoperta molto interessante che, nel prossimo futuro, potrebbe rivoluzionare il settore green della produzione di energia elettrica. Tuttavia, è ancora presto per mettere in pratica le indicazioni proposte dal ricercatore Jon Mayor. Servono ancora altri studi per poter attuare questo funzionale metodo con la massima precisione e al fine di ottenere i migliori risultati.

Nel frattempo, è meglio rinunciare alla prova dei peperoncini sui pannelli solari e aspettare indicazioni più precise. Se, però, ancora non hai un impianto funzionale, è arrivato il momento di richiedere l’installazione gratuita per la tuaattività commerciale o industriale. In questo modo potrai fare un grande favore all’ambiente e risparmiare sulla fornitura di energia elettrica. Affidati a Sunprime: trovi tutti i dettagli qui.

Per saperne di più su questi innovativi pannelli solari e sui nostri impianti, contattaci al più presto. Gli esperti di Sunprime potranno offrirti informazioni, risposte e soluzioni a misura delle tue esigenze.

Leggi anche: Energie pulite, solare ed eolico coprono il 10% del fabbisogno globale di energia elettrica

Leggi anche: Pannelli solari stampati: in arrivo dall’Australia la vera rivoluzione del settore fotovoltaico

Scopri Sunprime (vai al sito)

Condividi il post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Altri articoli dal blog

Surge SRL Sede Operativa: c/o Gruppo Angeli, Via G. Zanella, 12 Calenzano (FI) 50041 – Italy
Sede Legale: Via Gradoni Ospedale Civile 11, Catanzaro (CZ) 88100, Italy

Privacy Policy
Cookie Policy
Sunprime_logo